24 CFU e Concorso Scuola: cosa succederà con il nuovo ministro dell’Istruzione Fioramonti. Campus in Rete

I 24 CFU sono, fino a prova contraria, un requisito indispensabile per partecipare al Concorso Scuola che permette di ottenere un posto di ruolo alle scuole medie e superiori. Sono almeno cinquantamila infatti i posti di ruolo vacanti da coprire.

Cosa succede con la proclamazione del nuovo Ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti? È certamente presto per stabilire cosa succederà con il nuovo governo, ma si può ipotizzare una continuità con il vecchio esecutivo per alcuni aspetti, e sicuramente per quanto riguarda i concorsi, anche perché è altissima la necessità di docenti abilitati e qualificati.

Concorso Docenti: i requisiti per accedere

In base alle leggi finora in vigore, si può partecipare al Concorso Scuola (per il momento in stand by) se si è in possesso di una laurea magistrale, specialistica o vecchio ordinamento che dia l’accesso a una classe di concorso, ovvero all’insegnamento di una determinata materia, insieme al possesso dei 24 CFU in materie socio-psico-pedagogiche.

Si può partecipare anche se si ha l’abilitazione specifica per l’insegnamento.

24 CFU: gli esonerati

  • chi è già abilitato sulla specifica classe di concorso per la quale si vuole partecipare;
  • chi ha svolto 36 mesi di servizio a scuola, anche non continuativi, nel corso degli ultimi 8 anni scolastici, svolti entro il termine di presentazione delle istanze di partecipazione;
  • chi possiede abilitazione per altra classe di concorso o altro grado di istruzione, fermo restando il possesso del titolo di accesso (laurea) alla classe di concorso ai sensi della legge vigente.

Riconoscimento e certificazione dei 24 CFU

Una volta appurato che nel proprio piano di studi sono presenti tutti o in parte i 24 CFU richiesti, è necessaria una certificazione di riconoscimento dei 24 CFU già conseguiti che può essere erogata solo dall’università presso la quale si sono conseguiti i CFU.

Per il riconoscimento dei 24 CFU deve essere richiesta quindi la Certificazione di conformità degli obiettivi formativi e contenuti didattici” in base al decreto 616/17 presso l’ateneo dove sono stati sostenuti gli esami.

Il fatto che il settore disciplinare sia lo stesso, ad esempio M/PED-03, non implica per forza che i crediti siano riconosciuti dall’università competente.

Cosa fare se mancano dei crediti necessari

Con Campusinrete.it c’è la possibilità di integrare i 24 CFU in modo semplice, rapido e veloce.

I vantaggi dell’iscrizione a Campusinrete.it

– esami in un giorno in decine di sedi italiane;

– frequenza non obbligatoria;

– corsi online sempre accessibili;

– disponibilità di tutor e assistenza online;

– solo 500 euro totali (importo rateizzabile);

– prove d’esame per esercitarsi svolte in precedenza.

Si sottolinea che il Decreto Ministeriale 616/2017 non stabilisce alcun obbligo di frequenza per le attività in presenza.

 

ISCRIVITI ORA AI CORSI 24 CFU

 

Per informazioni e iscrizioni chiama lo 0541 18 200 79

L’articolo 24 CFU e Concorso Scuola: cosa succederà con il nuovo ministro dell’Istruzione Fioramonti. Campus in Rete sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Riforma concorsi dirigenti scolastici: abolizione corso-concorso. Moduli formativi dopo anno di prova

Commenti disabilitati su Riforma concorsi dirigenti scolastici: abolizione corso-concorso. Moduli formativi dopo anno di prova

Supplenze da terza fascia ATA: quante rinunce sono possibili?

Commenti disabilitati su Supplenze da terza fascia ATA: quante rinunce sono possibili?

Novità 2018, i nuovi istituti professionali: dagli orari agli organici, dalla valutazione ai titoli. Più laboratori

Commenti disabilitati su Novità 2018, i nuovi istituti professionali: dagli orari agli organici, dalla valutazione ai titoli. Più laboratori

Neoassunti 2019/20, aperta la piattaforma Indire

Commenti disabilitati su Neoassunti 2019/20, aperta la piattaforma Indire

Esami di Stato, UDIR: anche i 4 mila Dirigenti degli istituti comprensivi potranno fare i Presidenti

Commenti disabilitati su Esami di Stato, UDIR: anche i 4 mila Dirigenti degli istituti comprensivi potranno fare i Presidenti

Favara, devastata scuola appena terminata. Vicesindaco: Ripuliremo tutto

Commenti disabilitati su Favara, devastata scuola appena terminata. Vicesindaco: Ripuliremo tutto

Concorso musicale internazionale “Città di Tarquinia”: iscrizioni dal 18 marzo

Commenti disabilitati su Concorso musicale internazionale “Città di Tarquinia”: iscrizioni dal 18 marzo

Ministro, non vanifichi tutto con una promozione obbligatoria. La credibilità è importante. Lettera

Commenti disabilitati su Ministro, non vanifichi tutto con una promozione obbligatoria. La credibilità è importante. Lettera

Riapertura scuola 1 settembre, inizio lezioni il 14: scontro Regioni

Commenti disabilitati su Riapertura scuola 1 settembre, inizio lezioni il 14: scontro Regioni

Pensione a 64 o 67 anni: quanti anni di contributi

Commenti disabilitati su Pensione a 64 o 67 anni: quanti anni di contributi

Coronavirus, esperto: decisiva terza settimana febbraio. Momento chiave riapertura scuole

Commenti disabilitati su Coronavirus, esperto: decisiva terza settimana febbraio. Momento chiave riapertura scuole

Concorso dirigenti scolastici, ancora modifiche alle sottocommissioni

Commenti disabilitati su Concorso dirigenti scolastici, ancora modifiche alle sottocommissioni

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti