Autismo e Coronavirus, un “dolore anticipato”

I ragazzi restano a casa, con le proprie stereotipie, il proprio isolamento, le proprie angosce e tutto questo, nel migliore dei casi, genera una leggera, ma costante, regressione. Tutti pensiamo oggi al futuro come incerto: per chi ha un figlio autistico è una sensazione ben conosciuta, fin dal momento della diagnosi, quando ci si rende conto che nulla sarebbe più stato come nei progetti o nei sogni. Il dolore anticipato è la mente che va verso il futuro e immagina il peggio. Per calmarsi, è necessario vivere nel presente e accettarlo

Leggi Tutto

Fonte Vita.it – Sezione Welfare – News Feed

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

Vita.it - Ultim'ora - News Feed

Related Posts

Alunni stranieri, il buco nero dei 14 anni

Commenti disabilitati su Alunni stranieri, il buco nero dei 14 anni

“Mai più invisibili” le comunità denunciano lo stato di abbandono

Commenti disabilitati su “Mai più invisibili” le comunità denunciano lo stato di abbandono

Torna Contaminafro, Festival delle culture contemporanee africane

Commenti disabilitati su Torna Contaminafro, Festival delle culture contemporanee africane

Rimborsi spese adottive: risolta la questione “modello B”

Commenti disabilitati su Rimborsi spese adottive: risolta la questione “modello B”

Debutta in Italia la scuola “one kid at a time”

Commenti disabilitati su Debutta in Italia la scuola “one kid at a time”

Note sul presente: dalla tentazione neo statalista alla verticalizzazione tecnocratica

Commenti disabilitati su Note sul presente: dalla tentazione neo statalista alla verticalizzazione tecnocratica

Come una mosca sul vetro interno di una finestra

Commenti disabilitati su Come una mosca sul vetro interno di una finestra

Catalogna, è il giorno più lungo

Commenti disabilitati su Catalogna, è il giorno più lungo

I giovani di Arghillà siano messi al centro dell’agenda politica

Commenti disabilitati su I giovani di Arghillà siano messi al centro dell’agenda politica

Change Please, quando gli homeless diventano baristi

Commenti disabilitati su Change Please, quando gli homeless diventano baristi

Le adozioni calano ma non crollano più: 1.394 ingressi nel 2018

Commenti disabilitati su Le adozioni calano ma non crollano più: 1.394 ingressi nel 2018

Bruschi: «Con il nuovo Pei vogliamo migliorare i dati qualitativi dell’inclusione»

Commenti disabilitati su Bruschi: «Con il nuovo Pei vogliamo migliorare i dati qualitativi dell’inclusione»

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti