MediaVox: la contronarrazione per arginare l’hate speech

Debutta una pagina Facebook curata da esperti guidati da Milena Santerini. «L’obiettivo di MediaVox non è rispondere alla singola frase odiosa ma attirare l’attenzione su una narrazione delle realtà diversa. Lo facciamo rilanciando con contenuti corretti e affidabili sui “temi del giorno” che palesano un discorso d’odio»

Leggi Tutto

Fonte Vita.it – Sezione Società – News Feed

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

Vita.it - Ultim'ora - News Feed

Related Posts

Essere adolescenti al tempo dei like

Commenti disabilitati su Essere adolescenti al tempo dei like

Carta di Firenze, l’urgenza di un nuovo umanesimo civile

Commenti disabilitati su Carta di Firenze, l’urgenza di un nuovo umanesimo civile

273 minori adottati nel primo trimestre 2018

Commenti disabilitati su 273 minori adottati nel primo trimestre 2018

Welfare, il tempo è (quasi) scaduto

Commenti disabilitati su Welfare, il tempo è (quasi) scaduto

La Polonia restringe le adozioni internazionali

Commenti disabilitati su La Polonia restringe le adozioni internazionali

Diritti dei bambini, ecco le raccomandazioni dell’Onu all’Italia da qui al 2023

Commenti disabilitati su Diritti dei bambini, ecco le raccomandazioni dell’Onu all’Italia da qui al 2023

Festival dell’Economia civile: rigenerare le comunità, per riscoprire il senso

Commenti disabilitati su Festival dell’Economia civile: rigenerare le comunità, per riscoprire il senso

La prossima gita scolastica? Al Villaggio delle Aquile reali

Commenti disabilitati su La prossima gita scolastica? Al Villaggio delle Aquile reali

Liliana Segre porta in scena “Giobbe”

Commenti disabilitati su Liliana Segre porta in scena “Giobbe”

Alzheimer, i primi ospiti entrano al Paese Ritrovato

Commenti disabilitati su Alzheimer, i primi ospiti entrano al Paese Ritrovato

Ma i figli non sono dei loro genitori

Commenti disabilitati su Ma i figli non sono dei loro genitori

Dopo di noi: la relazione al Parlamento conta appena 6mila beneficiari

Commenti disabilitati su Dopo di noi: la relazione al Parlamento conta appena 6mila beneficiari

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti