Caro Ugo, il tuo assassino sono io

La vibrante lettera che il cappellano di Nisida ha scritto a Ugo, il quindicenne morto nel tentativo di una rapina. «Napoli ama donare il mantello magico della trasparenza a una quantità indefinita di adolescenti, ad un esercito folle di giovani allo sbando. A te il futuro è stato tolto caro Ugo! Non solo dalla pistola che ti ha sparato. Ma anche da chi ti ha voluto tra la paranza degli invisibili. Voltandosi dall’altra parte. Evitando di sporcarsi le mani. Sfoderando soluzioni sociali per fini elettorali o di prestigio filantropico»

Leggi Tutto

Fonte Vita.it – Sezione Società – News Feed

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

Vita.it - Ultim'ora - News Feed

Related Posts

Il metodo Zamboni? Inefficace sui pazienti con sclerosi multipla

Commenti disabilitati su Il metodo Zamboni? Inefficace sui pazienti con sclerosi multipla

Se 300 milioni di malati rari al mondo vi sembran pochi

Commenti disabilitati su Se 300 milioni di malati rari al mondo vi sembran pochi

Piccola guida per nonni adottivi

Commenti disabilitati su Piccola guida per nonni adottivi

Digital divide: un tablet in comodato d’uso non basta

Commenti disabilitati su Digital divide: un tablet in comodato d’uso non basta

Trapianto riuscito, Alex dimesso dal Bambino Gesù

Commenti disabilitati su Trapianto riuscito, Alex dimesso dal Bambino Gesù

Interpreti LIS: bene Sanremo, ma poi?

Commenti disabilitati su Interpreti LIS: bene Sanremo, ma poi?

Ecco perché I ricchi diventeranno sempre più ricchi

Commenti disabilitati su Ecco perché I ricchi diventeranno sempre più ricchi

Un lavoro per i minori non accompagnati: da Palermo nasce la “Rete delle Imprese Accoglienti”

Commenti disabilitati su Un lavoro per i minori non accompagnati: da Palermo nasce la “Rete delle Imprese Accoglienti”

Gli Spazi Futuro che restituiscono la socialità ai bambini

Commenti disabilitati su Gli Spazi Futuro che restituiscono la socialità ai bambini

Viene dall’Argentina il “turismo di ritorno”

Commenti disabilitati su Viene dall’Argentina il “turismo di ritorno”

Un ambulatorio solidale per rispondere ai bisogni della comunità

Commenti disabilitati su Un ambulatorio solidale per rispondere ai bisogni della comunità

E se le scuole avessero a disposizione un budget educativo?

Commenti disabilitati su E se le scuole avessero a disposizione un budget educativo?

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti