Ecco perché la “sfilata pre-adottiva” non ha senso

Nel Mato Grosso in un centro commerciale hanno fatto sfilare in passerella alcuni minori adottabili, per portare l’idea di adozione fuori dal recinto delle famiglie più sensibili. «In alcuni Paesi c’è la logica del “colpo di fulmine”, io invece credo che nell’adozione serva molta consapevolezza», afferma Monya Ferritti. Che fare? «Non fare leva sull’autopromozione dei bambini ma lavorare sui genitori, su cosa significa adottare un bambino grandicello, farli arrivare preparati e quindi più disponibili. Se di adozione non parlassimo solo alle coppie senza figli, sarebbe diverso»

Leggi Tutto

Fonte Vita.it – Sezione Welfare – News Feed

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

Vita.it - Ultim'ora - News Feed

Related Posts

Fase 2: quanto conta (davvero) la differenza di genere?

Commenti disabilitati su Fase 2: quanto conta (davvero) la differenza di genere?

Le parole non sono più quelle di prima

Commenti disabilitati su Le parole non sono più quelle di prima

Crescere al Sud: la scommessa educativa diventa una rete associativa

Commenti disabilitati su Crescere al Sud: la scommessa educativa diventa una rete associativa

È tempo di uno sguardo pedagogico sulla salute

Commenti disabilitati su È tempo di uno sguardo pedagogico sulla salute

Scandalo Kirghizistan, condanna per Airone e Cai

Commenti disabilitati su Scandalo Kirghizistan, condanna per Airone e Cai

L’inclusione, oltre i progetti per i bambini con disabilità

Commenti disabilitati su L’inclusione, oltre i progetti per i bambini con disabilità

Qual è il tempo scuola da recuperare?

Commenti disabilitati su Qual è il tempo scuola da recuperare?

Adozioni internazionali, qualcosa si muove

Commenti disabilitati su Adozioni internazionali, qualcosa si muove

Risorse per infanzia: basta con l’«annuncite», è l’ora della misurazione

Commenti disabilitati su Risorse per infanzia: basta con l’«annuncite», è l’ora della misurazione

La doppia vulnerabilità dei care leavers

Commenti disabilitati su La doppia vulnerabilità dei care leavers

La cura che siamo stati, la cura che vorremmo essere

Commenti disabilitati su La cura che siamo stati, la cura che vorremmo essere

Beni comuni: anche Palermo adotterà il Regolamento per la gestione condivisa

Commenti disabilitati su Beni comuni: anche Palermo adotterà il Regolamento per la gestione condivisa

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti