13 maggio. E se non ci fosse stato Basaglia…

abbeylossing[Illustration by Abbey Lossing]

di Isabella Borghese

[autrice di Dalla sua parte, Edizioni Ensemble, 2013]

La mia adolescenza racconta gli anni in cui ho iniziato a confrontarmi con la malattia mentale. Gli anni in cui ho iniziato a conoscere mio padre prima di tutto come un individuo a sé, un essere umano. Mi sono scontrata con la mia incapacità di accettare il suo bipolarismo, con quella forza, anche, che mi ha portata per anni a odiarlo, a combattere contro i suoi mostri, contro tutto quello che di male accadeva alla sua vita e inevitabilmente al modo in cui noi in famiglia subivamo ogni suo comportamento, figlio di eccessi – fasi up e fasi down – difficili da affrontare. Scappare da e tornare a casa era la mia abitudine. Nell’anno più complicato della mia vita personale, rispetto al mio rapporto con lui, un evento specifico mi mise davanti a una scelta: o mi faccio del male o cerco aiuto. O cerco di salvaguardarmi o mi distruggo. Il contesto sociale in cui vivevo mi aiutò molto; le mie amiche del cuore di allora e i miei amici, sono i miei congiunti di oggi. Così, grazie anche a loro, cercai e parlai con uno degli psichiatri che seguiva mio papà e fui affidata a una psicologa – affidare è il verbo per me più adatto – e intrapresi così il mio percorso terapeutico più importante, di certo il più incisivo nella mia vita. Quello che oggi, direi, mi indicò la direzione migliore, quella della cura. Prima della mia, poi di quella che io potevo avere per lui in una condizione di consapevolezza e accettazione della sua malattia. Ho avuto la fortuna di interfacciarmi ed essere accolta dai medici che negli anni lo hanno curato ogni volta che un dubbio o una paura mi assalivano con forza. A volte, mi rendo conto, di avere avuto quasi la pretesa di essere aiutata, e solo perché volevo e dovevo stare bene. Ma stare bene non è sempre facile. È spesso frutto di una profonda volontà, di un percorso che si sceglie di intraprendere con metodo, rigore, e guidati dalla ragione, perché se essa la si abbandona è più facile che l’istinto ci porti a crollare, a perdere la lucidità. Se non ci fosse stato Franco Basaglia mio padre sarebbe finito in un manicomio e non avremmo potuto lottare, ciascuno da solo, e anche insieme per la sua vita e quella di noi tutti familiari. Non avrei potuto confrontarmi con gli psichiatri che lo seguivano e con cui avevo spesso colloqui, non avrei familiarizzato con la sensibilità e la fragilità diversa con cui ciascuno è chiamato a vivere. Quando è morto Guido Martinotti, uno degli psichiatri che lo ha avuto in cura e in clinica per molti anni, a periodi alternati, ho sentito di aver perso un altro padre, perché chiunque si prende cura dei nostri cari e di noi con la dedizione che sapeva metterci Martinotti, è una guida. Un riferimento. Ma tutto questo senza Franco Basaglia non ci sarebbe potuto essere. Dobbiamo a lui il grande merito di riconoscere il valore di ogni essere umano. Anche per questo, grazie a Franco Basaglia, a 42 anni dalla Legge che porta il suo nome, i suoi ideali, la sua umanità.

Leggi Tutto

Fonte forumsalutementale.it

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

portaleducatori

Related Posts

La rivoluzione di Franco Basaglia nel più bel libro del 2015

Commenti disabilitati su La rivoluzione di Franco Basaglia nel più bel libro del 2015

Le associazioni a maggio per la 180

Commenti disabilitati su Le associazioni a maggio per la 180

L’uomo che sussurrava ai pazienti

Commenti disabilitati su L’uomo che sussurrava ai pazienti

Guida alla salute mentale. La parola guarigione esiste

Commenti disabilitati su Guida alla salute mentale. La parola guarigione esiste

La replica di Bolzano: “Non chiamatelo elettroshock”

Commenti disabilitati su La replica di Bolzano: “Non chiamatelo elettroshock”

ADULTS FOR CHILDREN – LA GENITORIALITA’ NEI SERVIZI PSICHIATRICI

Commenti disabilitati su ADULTS FOR CHILDREN – LA GENITORIALITA’ NEI SERVIZI PSICHIATRICI

Marco Cavallo per Alzheimer Fest: La vecchiaia non è una malattia

Commenti disabilitati su Marco Cavallo per Alzheimer Fest: La vecchiaia non è una malattia

Ma a lei, dottor Basaglia, interessa più il malato o la malattia?

Commenti disabilitati su Ma a lei, dottor Basaglia, interessa più il malato o la malattia?

Ravenna: in un anno nessuna contenzione: “Siamo sulla buona strada”

Commenti disabilitati su Ravenna: in un anno nessuna contenzione: “Siamo sulla buona strada”

Lo spazio pubblico non è più pubblico

Commenti disabilitati su Lo spazio pubblico non è più pubblico

Sul mettere a tacere

Commenti disabilitati su Sul mettere a tacere

Collana 180. Archivio critico della salute mentale – All’ombra dei ciliegi giapponesi. Gorizia 1961

Commenti disabilitati su Collana 180. Archivio critico della salute mentale – All’ombra dei ciliegi giapponesi. Gorizia 1961

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti